Entra nel mondo professionale e qualificato RIVALAB

CAMERA BIANCA

La produzione delle mascherine avviene in una CAMERA BIANCA, detta anche laboratorio pulito. Si tratta di un ambiente adibito a laboratorio meccanico la cui caratteristica principale è la presenza di aria molto pura, cioè a bassissimo contenuto di microparticelle di polvere in sospensione.

Il termine inglese diffuso a livello internazionale per definire questo tipo di ambiente è “cleanroom”. Tale definizione indica una stanza ad atmosfera controllata a livello di pressione atmosferica, umidità ed inquinamento particellare.

Particolare macchinaB
Bobina
Particolare macchinaA
AMBIENTE DI LAVORO

Per garantire prodotti sicuri, le mascherine chirurgiche sono fabbricate da RIVALAB all’interno di un ambiente estremamente pulito e curato in ogni dettaglio, dal materiale di rivestimento di pareti e pavimento alle luci, fino al tipo di arredo scelto per le aree di lavoro. Il confezionamento delle mascherine avviene sotto una cappa a flusso laminare provvista di diversi ventilatori con filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air) realizzati in microfibra di vetro che garantiscono aria “pura” al 100% ed eliminano il rischio di contaminazione del prodotto.
Il termine inglese diffuso a livello internazionale per definire questo tipo di ambiente è “cleanroom”. Tale definizione indica una stanza ad atmosfera controllata a livello di pressione atmosferica, umidità ed inquinamento particellare.

IMPIANTO DI FABBRICAZIONE MASCHERINE

Le mascherine RIVALAB sono assemblate grazie a una macchina automatica progettata per la produzione di mascherine chirurgiche piane mediante saldatura a ultrasuoni.
A partire dall’alimentazione del materiale tramite bobine, la macchina è in grado di accoppiare, saldare, inserire in automatico la bandella nasale e assemblare i cordoncini elastici auricolari.
Le mascherine sono composte da uno strato filtrante in TNT (Tessuto Non Tessuto) prodotto con tecnologia Melt blown e da altri due strati di TNT Spunbond, accoppiati longitudinalmente.

PROCESSO PRODUTTIVO

La macchina è, inoltre, in grado di piegare i tessuti in modo da ottenere la tipica plissettatura delle mascherine.
La mascherina, grazie alle apposite stazioni di taglio e di saldatura degli elastici, esce dalla macchina come prodotto finito, convogliato da un nastro di trasporto alla successiva stazione di confezionamento. La cura nella scelta dei materiali e l’alta efficienza produttiva della macchina costituiscono gli elementi chiave di una produzione in grado di garantire insieme qualità e rapidità.

CERTIFICAZIONE Camera Bianca